Area riservata

Per entrare nella parte del sito riservata ai soci digitare user ID e password nei campi sottostanti.

Username:

Password:


Ricerca ricambi usati

Per cercare un ricambio usato compila il seguente modulo.
La tua richiesta verrà inviata a tutti i magazzini ricambi dei soci del consorzio


Informativa ai sensi dell?art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 30/6/2003
L'inquinamento da norma fa più danni dello smog.
 
I disagi della categoria al Convegno CAR "L'Autodemolitore e l'Europa: per una sempre maggiore competitività".

Sala gremita come sempre per il consueto convegno organizzato dalla Confederazione Autodemolitori Riuniti (CAR), d'intesa con la CNA, nell'ambito della 18° edizione della Fiera Internazionale del Recupero di Materia ed Energia e dello Sviluppo Sostenibile, Ecomondo.
Tema dell'edizione 2014 " L'Autodemolitore e l'Europa: per una sempre maggiore competitività ". La Categoria degli autodemolitori, infatti, da anni segnala alle Autorità nazionali una serie di disagi che puntualmente restano inascoltati e irrisolti, pertanto CAR ha annunciato l'invio alla Commissione Europea di una propria nota sulla fuorviante applicazione della Direttiva ELV.

I lavori sono stati iniziati con i saluti di Giulia Ciaramelli, Presidente UNICA (Unione Italiana Consulenti Ambientali), che ha spiegato il profilo dell'ECO-consulente, ossia una figura già esistente e molto seguita in Europa, che rappresenta il professionista di riferimento per le aziende per la risoluzione delle problematiche ambientali, andando a coordinare le varie professionalità tecniche effettivamente necessarie per il disbrigo delle pratiche.
Infine, Antonio Longo, presidente Movimento Difesa del Cittadino e membro CESE, che ha sottolineato come i consumatori sono sempre più attenti alle tematiche legate alla sostenibilità ambientale, ma sono ancora carenti un'informazione corretta dell'auto come rifiuto e un rapporto più diretto tra utente e demolitore.

Dopo i saluti il convegno è entrato nel vivo con l'intervento di Angelo Frugieri, Comandante della Polizia Stradale di Rimini, che ha posto l'attenzione sull'importanza delle due Circolari ACI del luglio scorso relative al fenomeno delle radiazioni per esportazione all'estero. Quindi il Comandante Frugieri ha illustrato i risultati dell'ultima operazione a livello nazionale della task force della polizia stradale che ha focalizzato l'attenzione sul rispetto delle regole in materia di autodemolizione.
"La maxi-operazione ha conivolto 135 esercizi, 408 persone e 3685 tra veicoli e parti di veicoli controllati portando all'accertamento di 46 illeciti amministrativi e 29 penali. - ha spiegato Frugieri - In particolare, sui 135 esercizi controllati, 6 sono risultati del tutto abusivi: i rispettivi gestori sono stati denunciati all'autorità giudiziaria e le strutture sequestrate con apposizione di sigilli. 5 persone sono state denunciate per i reati di ricettazione e riciclaggio di veicoli e di motori di illecita provenienza con la proposta all'autorità giudiziaria di revoca dell'autorizzazione ad esercitare l'attività".
L'attività criminale ed il modus operandi degli indagati consisteva essenzialmente nel ricettare veicoli rubati, riciclandoli mediante la commercializzazione dei singoli pezzi per rendere difficoltoso risalire alla loro provenienza.
In 9 controlli sono emersi reati ambientali, segnalati alle ARPA e in alcuni casi ai Vigili del Fuoco, per abbandono o deposito in modo incontrollato di rifiuti, e per non aver proceduto alla relativa operazione di bonifica. Sono state individuate aree prive di depuratori per acque ed olii con dispersione di rifiuti nel terreno e nel sistema fognario; depositi improvvisati di pneumatici e parti di veicoli a volte coperti da tettoie in eternit.

E' stata quindi la volta di Giuseppe Giove, Comandante Regione Emilia-Romagna Corpo Forestale dello Stato, ospite fisso dei Convegni CAR a Ecomondo, i cui interventi riscuotono sempre grande consenso tra il pubblico.
Quest'anno il comandante ha puntato il dito contro l'inquinamento normativo e contro l'iper-proliferazione di norme farraginose che crea disagi e problemi alle piccole imprese italiane. "E' importante dare una svolta a livello normativo affinc
...
Leggi ancora

Rc auto: arriva l'autovelox stana evasori
 
Legge di stabilità: stretta per l'RC Auto con autovelox stana-evasori. Ora la foto scattata con dispositivi di rilevamento automatico, come ZTL, Autovelox, Tutor, diventa "atto di accertamento" per la Polizia Stradale.

Tempi duri per gli evasori dell' RC Auto. Il Governo d'ora in poi punirà che non paga l'assicurazione del proprio autoveicolo attraverso l'autovelox, che avrà il compito di scovare gli oltre 3,5 milioni di automobilisti irregolari e sanzionarli duramente.

Con l'articolo 44 della bozza della Legge di Stabilità viene, infatti, stabilito che il controllo sulle polizze RC Auto passi attraverso dispositivi telematici quali autovelox, tutor, vergelius e accessi ZTL, e diventi automatico, senza cioè bisogno che le apparecchiature rilevino altre violazioni del Codice della Strada.

La modifica di legge è in linea con il Decreto Sviluppo del 2012 che stabilisce che "per il rilevamento della violazione dell'obbligo dell'assicurazione per la responsabilità verso terzi non è necessaria la presenza degli organi di polizia stradale qualora la verifica avvenga mediante dispositivi o apparecchiature che sono stati omologati o approvati per il funzionamento in modo completamente automatico" rendendo in questo modo la documentazione fotografica un atto di accertamento vero e proprio.

Una volta scattata, la fotografia della targa sarà inviata all'archivio integrato della Motorizzazione Civile che, oltre ai dati identificativi del veicolo circolante, da due anni è in possesso dei certificati Rc Auto resi disponibili dalle imprese di assicurazione, e quindi è in grado di controllare se quel veicolo è in regola con i pagamenti oppure no. Dal 15 febbraio 2014 inoltre, è accessibile una sorta di "black list" con i dati relativi ai veicoli non assicurati che la Motorizzazione trasmette al Ministero dell'Interno e alle forza di polizia.

Nel caso in cui il veicolo non risultasse assicurato, al momento si è certi solo della sanzione, che però non è stata ancora quantificata. Così come non è diretta la sua notifica - come avviene invece per le multe per eccesso di velocità - che dovrà essere inviata alla polizia, dopo aver accertato l'effettiva violazione, al guidatore ed invitarlo a produrre il certificato di assicurazione entro i termini previsti. Un gap momentaneo, secondo Vittorio Verdone, direttore centrale dell'ANIA - Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici - convinto che la sanzione diretta arriverà una volta che diverrà operativa la dematerializzazione del contrassegno cartaceo dell'Rc Auto prevista entro la fine del 2015.

Secondo i sati ANIA e ACI, il fenomeno dell'evasione Rc Auto in Italia riguarda da 3,5 a 4 milioni di unità, pari a circa l'8% delle auto immatricolate. Un dato che causa alle compagnie assicuratrici una perdita di 2 milioni di euro l'anno, con un conseguente mancato introito per le casse dello Stato, che prende la quota del premio assicurativo destinata al Servizio sanitario nazionale, corrispondente al 10,5%.



fonte: www.notiziarioautodemolitori.it
...
Leggi ancora

Consorzio Autodemolitori della Toscana - P. Iva 04907870481
Sede legale: Piazza Petrucci, 8 54100 Camaiore (LU)
Sede operativa: Via Massa Avenza, 150 - Area Montedison ex Cersam - 54100 Z. I. MASSA
www.consorzioautodemolitoridellatoscana.com
cons-autodem-toscana@libero.it
Tel. 0585/856767 - fax 0585/505637